domenica 14 aprile 2013

Telefilm mania


Più di un personaggio stucchevole e buono,odio in un telefilm,un personaggio buono e stucchevole che poi diventa uno STRONZO.E' il caso di Rick Grimes,protagonista di Walking dead
(che ho guardato tutto in una sola settimana,rinchiudetemi),padre di famiglia e agente di polizia in un paesello sperduto che vuole portare alla salvezza un gruppetto di rincoglioniti senza personalità.Io adesso non voglio fare spoiler (nel caso in cui non avete visto la serie,provvedete perchè è davvero fatta bene) ma devo dirlo, ho il groppone in gola,ma come c**** è possibile,tre personaggi mi piacevano ,TRE, le probabilità che morissero erano matematicamente improbabili,e invece? Invece me ne sono morti due per il momento,la Lory,moglie di quel gran coglione di Rick,e Andrea,che mi va a morire proprio nell'ultimo episodio di stagione,il modo in cui me la fanno morire poi,è sopravvissuta ad innumerevoli attacchi zombie che provenivano dalle direzioni più disparate,dall'inseguimento di un folle con annesso attacco di zombie in una fabbrica senza via d' uscita,e come muore? In una stanza morsa dal più coglione degli zombie. Ma chi è lo sceneggiatore?!presentatemelo.Adesso ho paura di rivelarvi il terzo nome sinceramente,non vorrei che il regista,indispettito,possa cambiare la storia u.u NO vabbè dai,il terzo personaggio è... TRULLO (alla clio) di tamburi...Michonne. Cercando di sorvolare sull'odio che provo per Rick e sulle competenze degli addetti ai lavori,passiamo alla serie,ecco sono onesto,adesso non so se è perché le puntate si trovano tutte perfettamente in streaming in ITALIANO,ma lo preferisco ad American Horror Story,di cui vi parlerò appena terminerà,e anche qui ho da ridire su alcune cose,come al solito.La storia di fondo è abbastanza banalotta,ma è normale,esistono tanti di quei film incentrati sugli zombie che basta vederne mezzo e sembrerà di rivivere un dèjà vu con tutti gli altri,la serie ricorda tanto anche Lost,che premetto non ho mai seguito perché ogni volta che penso a delle persone sperdute su un isola parte la sigla...


Ecco,una cosa che non mi fa impazzire è l'entrata,SPESSO,di nuovi personaggi,nemmeno il tempo di imparare il nome di tizio che già questo è morto ed entra in scena caio,non va bene,i telespettatori si “affezzionano” ai personaggi,quindi ci sta la morte dei componenti,ma non è possibile cambiare "squadra" ogni stagione.


Passando a tutt altro,ieri ho visto “La madre”,adesso non so se il film è ancora in proiezione o meno,ma se vi dovesse mai saltare in mente,ma anche lontanamente,di andarlo a vedere,risparmiate i vostri soldi e scegliete altro.La locandina mi piaciucchia,somiglia tanto a quelle foto reportage che si fanno nei paesi devastati dalla guerra,quindi le avevo dato mezza possibilità solo per quello (ah io il film l'ho visto in streaming,però è SEMPRE un segreto),in tutto ciò solo adesso ho notato le farfalle, semplici fronzoli a cui è dato il compito di aggraziare un po' il tutto (tecnica che somiglia tanto a quella dei film cinesi/giapponesi) e che non c'entrano una emerito c****,e saranno presenti anche durante il film.La storia,anche in questo caso,semplice e banalissima,sembrerebbe la versione cretina di The ring,solo che in quest ultimo le cose erano vagamente più contorte.Film bocciatissimo,anche in questo caso,non capisco la scelta di produrre una cosa del genere,come già detto,storia banale,non c'è uno sviluppo vero e proprio,la fine poi,ridicola e continuo a chiedermi il significato delle farfalle,sopratutto nell'ultima scena.Non salvo nulla!

Vostro G.

6 commenti: