domenica 14 luglio 2013

Addio dignità.

Ciao bambole! Chi vi parla e la K, che contro ogni più rosea aspettativa è tornata sana e salva dal primo (e spero ultimo) addio al puttanato della sua vita.
La domanda che ci poniamo oggi è: “C’è qualcosa di più osceno di un branco di oche arrapate e starnazzanti che sfoggiano peni sul capo e bevono birra da cannucce dalle chiare forme falliche?”
 Risposta:NO! E ve lo dice una (quasi) ex Ugly Betty che di angherie ne ha subite.
Ma andiamo per ordine. Per farvela breve ho dovuto partecipare a questo addio al “nubilato” di una tizia, della quale PURTROPPO dirò poco perché sfigata come sono inciampa in questo blog, e conoscendola finirebbe con lo sfregiarmi tutta con acido muriatico :D
Dicevo purtroppo perché di cose ne avrei da dire, soprattutto su persone del genere che hanno un concetto dell’amicizia alquanto astratto e che diciamocela tutta sono OPPORTUNISTE, senza se e senza ma.
Vogliamo parlare del rispetto?
-Sono stata avvisata con 48 ore di anticipo.
-Mi è stato detto di essere pronta alle 19:30 e alle 21:30 invece aspettavamo ancora delle tizie.
-Conoscendo la mia avversione verso discoteche e puttanai mi era stato detto che sarebbe stata una serata tranquilla in un pub, inutile dirvi che GUARDACASO c’era stato un imprevisto e avevano cambiato programma PROPRIO nel pomeriggio, e inutile dirvi che han pensato bene di non avvisarmi.
-Non conoscendo nessuno avevo chiesto alla sposa di stare almeno con lei e ovviamente mi ha sbarcato in un’altra auto in cui non conoscevo nessuno.
Se il quadro della situazione può sembrarvi tragico, credetemi era peggio.
Ovviamente inizio la serata whatzappando con G, ma da buona sfigata il telefono mi si è scaricato e a dirla tutta mi è stato anche intimato di riporlo visto che, come mi è stato gentilmente fatto notare, nessuno era lì per vedermi giocare al telefono. GENTILISSIME, DAVVERO.
Appena arrivate la sposa ha sfoggiato un romanticissimo velo sul quale troneggiava in bella vista un altrettanto romanticissimo pene di peluche, so classy! Tra le risa dei passanti,le mie maledizioni ad un bel po’ di metri di distanza e le imprecazioni di questa sottospecie di mandria di vacche che barcollavano sui loro trampoloni, arriviamo a destinazione. Inutile dirci che la più sobria sfoggiava un abitino con stampa animalier ed inserti in pelle nera. (Coco perdona i loro peccati!)
La serata è andata avanti tra giochini kitsch tipo manette, torte ambigue e boiate simili. Ovviamente non mi è stata rivolta parola soprattutto dall’unica persona che conoscevo e dopo essere stata al bagno ritrovo un tavolo VUOTO. Ho chiesto ad una ragazza e mi ha riferito che erano scese giù a scatenarsi on the dancefloor,ma che dolci a non dirmelo vero?
Fortunatamente a fine serata abbiamo raggiunto i ragazzi che festeggiavano l’addio al celibato dello sposo e dico fortunatamente perché tra quei primitivi c’era il mio amore..mai stata così felice di vederlo!*-*
Ora, so che per gli amanti della movida notturna potrò sembrare vecchia, noiosa, asociale e quant’altro e potrò anche esserlo, ma concedetemelo!Non si è mai troppo esigenti quando si parla di buon gusto.
Sbaglierò forse ad essere così categorica perché personalmente non ci trovo nulla di divertente in un pene di peluche, ma c’è proprio bisogno di farlo in pubblico?? Una cenetta intima tra amiche ( quelle di sempre) con un brindisi di augurio credo sia decisamente preferibile ad un’uscita improbabile tra un gruppo di estranee. E poi addio al nubilato starebbe per “fino al matrimonio sei libera di troieggiare quindi approfittane?”   MAPPERFAVORE!!!
Ringraziando Gaga e Dior ho un amico meraviglioso e so che i nostri pigiama party pre nozze non avranno nulla da invidiare a questi incontri di bassa lega :) ❤



Vibbacio, vostra pungente Kì♡

Nessun commento:

Posta un commento